Come scegliere un Gatto

Come scegliere un Gatto

Dopo tante riflessioni, abbiamo finalmente deciso di accogliere nella nostra famiglia un gatto.

È una scelta importante ed impegnativa, e se pensiamo che non siamo in grado di dedicargli il tempo necessario che ci vuole, dobbiamo lasciare perdere, come fare a scegliere un gatto?

Prima cosa la razza.

Bisogna considerare infatti che ci sono tante razze di gatti, alcune più mansuete di altre, per chi passa la maggior parte del tempo a casa è consigliato il gatto Certosino, considerato un gatto molto affettuoso.

L’europeo che é uno di quelli più diffusi, è un gatto più indipendente; il siamese si attacca molto al padrone ed è molto geloso.

L’abissino che non spicca per la sua bellezza, ama la solitudine.

Il bengal è un incrocio tra un gatto domestico ed uno selvatico, un pochino più impegnativo ma sempre molto dolce.

Insomma, di razze di gatti c’è ne sono veramente tante, bisogna anche considerare se il gatto è a pelo corto o lungo, e il suo sesso.

In linea di massima i gatti femmina sono più affettuosi dei maschi, ma dipende molto da come li crescete, un pò come accade anche per i cani.

I gatti a pelo lungo richiedono sicuramente più attenzioni.

Il periodo migliore per portare a casa un gatto e non prima dei 70 giorni di vita.

Per avere un idea sul carattere del gatto che stiamo prendendo, lo possiamo un pò isolare e osservare come si comporta per esempio con una pallina, la cosa importante, soprattutto quando il gatto è piccolo, è che sia molto vivace e curioso.

Quando arriverà a casa, facciamolo un pò gironzolare per farlo ambientare, e facciamogli subito vedere dove si trova la sua lettiera, la ciotola del cibo e dell’acqua.

Non sgridiamolo subito se combina qualche pasticcio.

Portiamola appena possiamo dal veterinario per fargli un controllo generale, anche se pensiamo che stia bene, bisognerà vaccinarlo, e fagli fare una visita almeno una volta all’anno.

Dovremo comprare anche una cuccetta dove farlo riposare, le ciotole per la sua acqua e cibo, una lettiera per i suoi bisogni, una spazzolina per tenere in ordine il suo pelo, ed anche un trasportino che ci servirà per gli spostamenti ed anche per le visite dal veterinario.

Una volta a casa, bisognerà anche insegnare al gatto ad usare la lettiera; questa operazione è molto semplice in quanto sarà sufficiente prendere il micio e farlo entrare dentro; capirà da solo che è li che deve fare i suoi bisogni.

Un ultimo consiglio, provate ad andare nei gattili, in quanto anche li troverete dei bellissimi gatti che aspettano solo di essere adottati.