Porte interne: come sceglierle

Porte interne: come sceglierle

Stai pensando di donare un nuovo look alla tua casa? Cambiare le porte interne è una soluzione molto discreta che permette di trasformare completamente l’aspetto estetico di un ambiente. Oltre all’aspetto estetico le porte però assolvono ad una serie di funzioni molto importanti come la tutela della privacy, la funzionalità e l’attenuazione di suoni e rumori. Tieni presente tutti questi aspetti quando decidi di cambiare le porte interne della tua abitazione. Sul mercato esistono modelli molto variegati e diversificati, che si distinguono per tipologia, materiali, meccanismi, decorazioni ecc. In questo articolo Gioma srl specialista per il settore delle porte interne a Udine come scegliere le porte interne offrendoti una panoramica completa dei principali modelli.

Innanzitutto le porte interne si distinguono in tre tipologie in base all’apertura ed alla chiusura: a battente, scorrevoli o a libro. Le porte battenti sono quelle tradizionali che si aprono con la maniglia e possono essere ad una o due ante, liscia o suddivisa in pannelli. Le porte scorrevoli sono la scelta ideale per ottimizzare gli spazi, poiché “scompaiono” in un vano dopo l’apertura senza provocare il minimo ingombro. L’anta può scorrere all’interno del controtelaio incassato a scomparsa nel muro, oppure scorrere su binari all’interno della parete accanto al telaio. Le porte a libro sono dotate di due o più pannelli che una volta aperti si sovrappongono a pacchetto come una fisarmonica. Sono l’alternativa ideale alle porte scorrevoli quando non c’è lo spazio sufficiente per effettuare lavori murari.

Alcune porte grazie a specifici elementi si adattano perfettamente a determinate condizioni estetiche e di spazio. Le porte reversibili sono caratterizzate dalla reversibilità delle ante e del telaio. Il senso dell’apertura può quindi essere modificato a piacimento, ottenendo più spazio nell’ambiente desiderato. Le cerniere a scomparsa si integrano perfettamente nel muro senza stipiti o coprifili, grazie ad ante filomuro e rasomuro. Un altro elemento molto caratterizzante è il telaio telescopico, in cui il profilo della battuta della porta è fisso e funge da telaio. Il profilo telescopico invece scorre nel telaio permettendo l’adattamento a pareti di spessore variabile.

Prima di scegliere le porte in caso di ristrutturazione o costruzione ti consiglio infine di rilevare le seguenti misure: larghezza del vano per la porta, altezza (partendo dal livello del pavimento finito) e profondità (spessore del muro). Se invece devi semplicemente sostituire le porte generalmente si cambiano solo le ante. Se però intendi sostituire le porte a battenti con porte scorrevoli prendi le seguenti misure: larghezza del vano (escludendo le cornici), altezza dal livello del pavimento e spessore del muro.