Come imparare il Kung Fu

Come imparare il Kung Fu

Chi è che da “piccolo” non ha sognato di “menare le mani” come Bruce Jun FanLee alzi la mano, NESSUNO VERO!

Il Kung Fu è un’arte marziale molto famosa in tutto il mondo, di origine cinese antichissima, negli anni ha “invaso” tutti i continenti, ma come possiamo imparare il Kung Fu?

La parola Kung Fu non significa “lotta” o “combattimento” come si potrebbe pensare, ma etimologicamente fa riferimento al “legame tra l’esercizio serio, costante e ripetuto e l’abilità che ne deriva”, imparare il Kung Fu non vuol dire saper “menare le mani“, ma imparare i limiti del nostro corpo e superarli con una concentrazione e devozione assoluta.

Il simbolo della storia di questa arte marziale è il monastero della Cina di Shaolin Szu, nel quale si praticava la meditazione e lo yoga unita all’arte del combattimento.

La figura fondamentale di questa disciplina si colloca storicamente intorno all’anno 500, è quella dell’importante buddista Bodhidharma.

Bodhidharma è stato il creatore della tecnica di allenamento/combattimento che raccoglievano un insieme di esercizi che si rifacevano ai movimenti degli animali: l’orso, il drago, la scimmia, l’uccello e il cervo. Esercizi finalizzati all’espressione dell’energia interiore, l’equilibrio, la stabilità e la forza, i requisiti di abilità per lottare.

La disciplina del Kung Fu subi nei secoli l’oppressione di moltissime fazioni contrarie, e di popoli stranieri conquistatori, questi invasori arrivarono a minacciare direttamente tutti i monasteri cinesi e particolarmente il monastero di Shaolin Szu, successivamente alla nascita della Repubblica cinese furono create delle accademie che, accanto alla vita e i principi militari, insegnavano le mosse tipiche del Kung Fu ai futuri soldati.

In Italia la prima federazione sportiva di Kung Fu nasce nel 1975 e il termine col quale gli appassionati si confrontarono con passione precoce fu quello di Kung Fu Washu, gli stili di Kung fu sono tanti quante sono le stelle in cielo”, recita un detto cinese che, le scuole Italiane sono: Scuola Chang, Scuola Wu, Scuola Shin Dae Woung e molte altre che però hanno perso il vero valore del Kung Fu tradizionale.

Le cinture, i gradi ed esami non derivano dalla tradizione del Kung Fu, li abbiamo ereditati in occidente in epoche recenti dai Giapponesi (non Cinesi) nell’esportazione delle arti marziali orientali, praticare il Kung Fu non deve essere finalizzato con lo scopo di raggiungere una “cintura” (un riconoscimento), non è giusto pensare al raggiungimento di un traguardo, è importantissimo il cammino verso un miglioramento continuo nel tempo.